L’accoglienza in hotel: qualcosa sta cambiando

Una realtà, negli hotel di tutta Italia, per decenni è sempre stata priva di cambiamenti e, se vi state chiedendo da bravi osservatori quale questa sia, la risposta è il front desk, ovvero il bancone all’accoglienza che trovate nella hall di tutti gli alberghi in cui entrate, quel luogo in cui ci si ferma per chiedere informazioni sul luogo o sulla struttura, spesso occupata da qualche receptionist che conosce 4 lingue e con qualche persona in coda pronta per essere ricevuta. A causa della sua funzione così familiare, il front desk non è mai morto, ma quanto potrà ancora durare una realtà così materna in una società che tende sempre più spesso all’alienazione? Il bancone in alcuni alberghi è passato dall’essere rassicurante all’essere noioso e semplicemente procedurale. Una tediosa proceduta evitabile da casa o dal proprio smartphone, quasi come se i receptionist istigassero la noia più pura. La vecchia accoglienza in hotel in alcuni luoghi si è estinta, ma esistono ancora dei piccoli gesti di familiarità all’ingresso?

La vera accoglienza

Alcuni hotel ancora sanno il fatto loro in merito alla cordialità e sanno mettere il cliente a proprio agio in qualsiasi situazione, specialmente quella relativa alle presentazioni. Bisogna essere cauti, non chiedere immediatamente i documenti( richiedere all’ospite le sue generalità è l’ultimo step dell’accoglienza alberghiera) e dare un benvenuto caloroso, salutare cortesemente, chiedere come sia andato il viaggio e se è stato agevole trovare parcheggio o organizzarsi con i mezzi pubblici. Di grande aiuto, per un turista inesperto, sarebbe verificare che abbia chiarezza delle indicazioni stradali, riguardanti soprattutto la struttura: non è mai una cattiva idea quella di chiedere al cliente se ha trovato con facilità la struttura alberghiera o se è stato ostacolato dalla mancanza di opportune indicazioni. Dopo tanta affabilità, ci si aspetta ovviamente una risposta dal cliente e, il feedback dell’ospite è sempre importante, perché sarà lui a recensire la struttura sulle piattaforme online disponibili e visitate da altri futuri clienti. La password della linea wi-fi è un ottimo passo per ottenere un certo grado di confidenza, ottenuta quella, l’ospite si sentirà sicuramente a casa.

Il calore del viaggio

Farsi trovare all’ingresso con un cocktail di benvenuto, essere sorridenti e sempre disponibili, è molto meglio che presentare la propria struttura al pubblico priva di un volto amico e con un front desk impersonale. L’albergo boutique a Roma Hotel Teatro Pace è in grado ancora di offrire quella calura umana di cui pochi luoghi sono ancora fortemente provvisti. Nell’abito del turismo, ricercare la cordialità e l’accoglienza sono prerogative essenziali per una buona riuscita del viaggio: quali usi e costumi ci porterebbe a conoscere un mondo in cui l’unica attività che dobbiamo svolgere è premere il tasto “conferma”?

Hotel 2.0

Un tempo gli alberghi erano luoghi in cui il viaggiatore, in giro per motivi personali o di lavoro, cercava ristoro dalla stanchezza in un letto comodo e in un pasto caldo ed al massimo poteva trovare un facchino che portava i bagagli nella sua stanza. Oggi come oggi, si possono trovare hotel in cui gli addetti vanno addirittura a fare shopping per te. E non parliamo esclusivamente di alberghi di lusso. I servizi negli alberghi ora sono dei più vari: dalla spa e piscina alle organizzazioni private di tour organizzati; dalle passeggiate a cavallo, ai giri per la città sui segway (una sorta di monopattini elettrici); dalle escursioni estive nelle zone di montagna, alle discese in sci o snowboard nei periodi invernali organizzate dalla stessa struttura ospitante. Insomma, siamo ormai nella generazione degli hotel 2.0.

Il servizio shopping

Uno dei servizi che mettono più curiosità è la possibilità di mandare qualcuno di esperto a fare shopping per te. Hai dimenticato di mettere il pigiama in valigia, ma sei appena arrivato e dopo il lungo viaggio non hai proprio voglia di uscire a cercare un negozio per potertelo comprare? O sei in una località di mare ed hai scordato il costume, ma non vedevi l’ora di farti quel bagno così agognato che desideravi da tanto tempo? Beh, in alcuni alberghi puoi richiedere il servizio shopping: un personal shopper professionale sarà a tua disposizione tutto il tempo che vorrai, parlerete di cosa ti piace, di qual è lo stile che preferisci e quanto vorresti spendere. In poche ore, il tuo desiderio sarà esaudito e se non sei soddisfatto, il tuo personal shopper per un giorno, tornerà alla ricerca. Provare per credere: nel cuore di Roma in Via Nazionale, il Floris Hotel mette a disposizione dei clienti proprio questa prestazione. Per avere più informazioni e dettagli riguardo questo tipo di servizio e degli altri che l’hotel mette a disposizione, clicca qui.

Le SPA

Le regole dell’hotellerie pretendono che la prima cosa sia l’attenzione al cliente, che deve sentirsi coccolato ed in pace con il mondo. Non deve avere problemi di alcun genere e rilassarsi come fosse a casa sua. Per questo motivo, molti alberghi spingono sulle SPA dove offrono massaggi singoli o di coppia, vasche idromassaggio e percorsi benessere accompagnati da tisane, bevande calde e/o fresche ed aperitivi con frutta, verdura cruda e prodotti depuranti. Una coccola estrema di cui io stessa ho avuto esperienza è l’idromassaggio esterno…nei mesi invernali! Entrare in una vasca di acqua calda circondati dalla neve, quella ormai posata a terra e quella che cade dal cielo, è una sensazione magnifica che ripaga del freddo percepito dovendo attraversare in costume, sotto la neve, quel piccolo passaggio che conduce dalla sauna alla vasca esterna. E, se volete fare un’esperienza in più, provate a rotolarvi nella neve e buttarvi poi nuovamente nell’acqua calda: sarà molto divertente!

 

Una realtà lontana

Una realtà lontana

Abitudine comune di chi vive in Europa, è quella di pensare che, al di fuori del proprio continente, sia difficile gestirsi per una vacanza piacevole e stimolante ma, in verità, è solo una questione di organizzazione e forza di volontà. L'Oceania è senza ombra di dubbio il continente più lontano da casa nostra, quello, per così dire, “dall'altra parte del mondo” ma, sebbene abbia questo piccolo difetto, è costituita da tre magnifiche regioni che sono un sollievo per il nostro bisogni visivo di bellezza. Melanesia, Micronesia e Polinesia sono i pilastri portanti di questo continente, nonché note mete turistiche. In particolar, effettuare un viaggio in Polinesia ,garantirà, oltre che ad una fauna e ad una flora imperdibili, un arricchimento culturale dato dai diversi usi e costumi del luogo. Conoscere prima di imparare è però una caratteristica importante di un viaggiatore pronto a non fare figuracce, per cui, ecco alcuni consigli.

Usanze tipiche polinesiane

Sebbene gli italiani siano abituati a salutarsi con una stretta di mano o un bacio in guancia, in Polinesia funziona diversamente. L'accoglienza tipica in questa realtà di 118 isolette, prevede ballerine e ballerini di Tamurè, ovvero una danza per corteggiare gli ospiti appena arrivati in zona. Godetevi questo benvenuto, perché è lo stesso che veniva riservato ai personaggi illustri di un tempo! Ricordate anche che se dovesse, durante il vostro tour, capitarvi di fermarvi per una limonata fresca in un chiosco, ricordate di non lasciare mance, perché in Polinesia risulta offensivo ed è addirittura considerato un insulto, quindi guardatevi bene dal farlo. Un'altra particolarità sta nella conce

zione del tempo che gli abitanti della regione hanno: Il tempo deve essere considerato come una realtà elastica, per cui non è necessario essere eccessivamente fiscali, specialmente se si è in vacanza.

Lo scenario di un cartone

Non tutti hanno la percezione delle acque cristalline e dei fondali ricchi di coralli che caratterizzano la regione della Polinesia. Travel design, un'agenzia di viaggi in tutto il mondo può garantire per voi e, a farlo, può anche essere il lungometraggio della Walt Disney: Oceania. Il film d'animazione infatti ha preso spunto dai colori di Bora Bora e Nuku Hiva dalle loro spiagge dorate e acque cristalline. La vegetazione e i vulcani sono stati un ottimo fondale per la storia meravigliosa dietro questo cartone per tutte le età, che ha dato idea della fauna marina che occupa quei fondali ricchi e eclettici. Insomma, la Polinesia è un sogno all'interno del quale tutti vorrebbero entrare almeno una volta, per cui adesso tocca a voi fare un salto ad acquistare i biglietti per vivere, non un'animazione, bensì una realtà unica e paradisiaca .
 

Viaggi d’autunno, come muoversi a New York

Viaggi d’autunno, come muoversi a New York

Tra le destinazioni preferite per l’autunno, la Grande Mela è una meta da sempre amatissima e molto popolare. In questo periodo i prezzi scendono rispetto all’estate e se si sceglie di andare subito dopo la famosa maratona di New York, il periodo si considera di bassa stagione e si può viaggiare davvero con un budget limitato. Ma come muoversi a New York? Ci sono mille itinerari possibili per scoprire questa favolosa metropoli, uno dei modi migliori, tuttavia, è seguire i consigli di chi ci vive, preziosissimi soprattutto se si ha poco tempo a disposizione e non si vuole perdere nemmeno un secondo.

Viaggi d’autunno, perché scegliere New York

I motivi possono essere moltissimi: dai colori di Central Park in questa stagione bellissima, ai prezzi più contenuti rispetto al periodo turistico immediatamente precedente, alla possibilità di potersi godere questa città stupenda senza file assurde e il traffico dei periodi di maggiore concentrazione. Ovviamente, ricordiamoci sempre che per visitare New York è necessario munirsi dei documenti previsti dalla normativa americana, come la carta verde, e tutte le informazioni utili a riguardo possono essere reperite facilmente anche sul web, magari visitando un sito come quello dello Studio Legale Carlo Castaldi.

I consigli dei newyorkesi

Chi vive a New York, attraverso un sondaggio online, ha condiviso i propri suggerimenti con i turisti in merito alle attrazioni da non perdere, ai ristoranti in cui mangiare e molte altre info pratiche. Ad esempio, se ci chiedessimo da dove ammirare la vista più bella della città? La risposta di chi ci vive sarebbe dal Rockfeller Center, visto che salirci costa meno che altrove e c’è molta meno folla. Invece, per una serata tra i migliori rooftop bar, gli aperitivi con vista mozzafiato che hanno ormai preso piede a New York così come in moltissime altre metropoli del mondo, i newyorkesi consigliano di prediligere i posti vicino all’Empire State Building a ingresso gratuito. Un altro consiglio che solo un newyorkese potrebbe dare? Ammirare la Statua della Libertà, dal traghetto per Staten Island, così da poter godere di una vista bellissima a cui, da soli, magari non si penserebbe mai.

Le perle nascoste della Grande Mela

Infine, qualche suggerimento su vere e proprie scoperte di New York, che raramente i turisti visitano senza un’imbeccata. Il primo suggerimento è il Tenement Museum, un museo incentrato sull’immigrazione a New York, e l’Irish Hunger Memorial, un parco dentro Manhattan.

Un punto di riferimento

 Un punto di riferimento

Annualmente, milioni di persone si spostano in giro per il mondo a visitare le meraviglie che il pianeta ha da offrire: paesaggi naturali, grandi strutture, reperti storici di grande importanza e pietanze gustose che rallegrano la giornata con un buon sapore. Tutto questo, sebbene sia magico, non può escludere quella che è l'importanza di un punto d'appoggio durante la visita in un altro luogo. La necessità di dormire comodamente, il bisogno di soddisfare i propri bisogni igienici e biologici, per non parlare del peso che i nostri bagagli hanno durante ogni più piccolo spostamento, sono i primi problemi che un viaggiatore si pone prima di una partenza. Quale miglior soluzione di un hotel? Un centro di ritrovo per te, la tua famiglia e i tuoi amici in procinto di una grande esperienza.

Una sicurezza a Roma

Sebbene siano indiscutibili le cascate del Niagara e le piramidi egiziane, nessuno può dirsi appassionato di meraviglie se prima non ha visitato l'incantevole e storica Roma. Il Pantheon, La maestosa basilica di S.pietro, piazza Navona, il Colosseo e tantissime altre architetture (e non solo) sono visitabili nella capitale italiana e il Floris hotel, tra i meravigliosi colli Esquilino, Viminale, Quirinale e Celio, è in grado di aiutarti, durante il tuo itinerario, offrendoti ottimi servizi in ampie stanze in cui riposare. Situata al centro della città, l'hotel in via nazionale a Roma permette di muoversi agevolmente tra i punti più importanti del luogo, tutto questo con la piena consapevolezza di alloggiare in un antico palazzo del tardo ottocento. Il personale accogliente e in continua disposizione, una colazione energica, l'immancabile segnale Wi-Fi e il giusto spazio per i propri bagnagli, sono solo alcune delle caratteristiche di queste brillanti tre stelle.

Non tutti sanno che…

Al giorno d'oggi, trovare un comodo albergo, non è più così difficile, anzi, possiamo trovarne uno dietro l'angolo. Ma come hanno fatto queste strutture a proliferare? Come sono nate? Nell'antica Roma, in vari periodi dell'anno, avvenivano degli avvenimenti particolari che chiamavano a raccolta tutto il popolo: eventi sportivi, celebrazioni religiose ed enormi fiere commerciali. Questi avvenimenti erano fruibili in grandi strutture, chiamate hospitia e deversoria, ed erano capaci di ospitare un numero considerevole di persone che descrivevano questi luoghi come affascinanti e pittoreschi. Non tutti purtroppo erano in grado di permettersi un soggiorno comodo in uno spazio apposito, per cui i più poveri erano costretti ad accamparsi fuori con gradi tendoni. Alquanto triste, ma fortunatamente oggi gli hotel sono accessibili alla maggior parte della gente, per cui non ci sono scuse: prenota un bel viaggio e alloggia nel posto giusto!

 

Turismo, le città più salutari nel mondo

Turismo, le città più salutari nel mondo

C’è una singolare classifica che stila le città più salutari al mondo, un ottimo punto di riferimento soprattutto se, al rientro dalle vacanze, ci rendiamo conto che la nostra città sempre essere ormai diventata davvero invivibile. Perché, allora, non prendere in considerazione l’idea di trasferirci altrove? La classifica è di Spotahome e stabilisce quali sono le città più salutari del mondo, dove potremmo finalmente vivere felici e in perfetta salute.

Cos’è una città salutare

Cosa intendiamo per città salutare. La ricerca prende in considerazione 10 criteri in 89 città nel mondo, tra cui la luce solare, le aree verdi, la qualità dell’aria ma anche dell’acqua, l’equilibrio tra lavoro e vita privata, l’aspettativa di vita e così via. Tra le città prese in considerazione non c’è nemmeno un’italiana, ma la buona notizia è che se decidiamo di trasferirci altrove abbiamo davvero l’imbarazzo della scelta.

La classifica delle città migliori

Al primo posto della classifica c’è Amsterdam, che ottiene il punteggio più alto soprattutto per quello che riguarda il giusto rapporto tra lavoro e vista privata. A noi italiani la capitale olandese piace moltissimo, quindi non sarebbe una cattiva idea prima visitarla, magari soggiornando in un hotel boutique, diffusi e di alta qualità esattamente come i nostri, ad esempio Hotel Teatro La Pace di Roma, e decidere in un secondo momento di trasferirci lì. Medaglia d’argento per Oslo, con un voto altrettanto alto e soddisfacente, premiata soprattutto per il numero di zone verdi e per quello di punti di ricarica delle auto elettriche. Medaglia di bronzo per Monaco di Baviera, che registra un’elevata qualità dell’aria e anche dell’acqua.

Quali sono le altre mete salutari

Continuando a scorrere la classifica, troviamo Rotterdam con un ottimo equilibrio tra famiglia e lavoro e un tasso di nascite molto alto. A seguire ci sono Berlino, Tallin, che si contraddistingue per l’alto numero di centri fitness e per la qualità dell’aria e dell’acqua, Vienna con le sue numerose zone verdi, Adelaide, la prima città oltreoceano, Helsinki e Perth. Questa è la top ten mondiale delle città più salutari. In generale, comunque, il maggior numero di zone verdi è da concedere alla Germania. Nell’Europa dell’est si distinguono Tallin e Belgrado. Sull’aspettativa di vita, ovviamente, l’Estremo Oriente ci dà sempre grandi lezioni con Tokyo prima nel mondo, seguita da Singapore. All’Oriente va anche il minor numero di persone obese al mondo, medaglia d’oro a Tokyo, alle sue spalle ci sono Seoul, Singapore e da Hong Kong. Alla faccia della dieta mediterranea.

Bambini gratis? Perchè no!

Per le famiglie italiane la vacanza si presenta come un momento di svago irrinunciabile. La difficoltà delle famiglie sta nel conciliare la qualità dei servizi con il risparmio.
A questo proposito gli albergatori e le agenzie hanno messo a punto l’accattivante formula dei bambini gratis.

Si tratta di una scontistica che viene applicata sulla presenza dei bambini che dormono in terzo letto nella camera dei genitori a fronte di due adulti paganti.
Questa formula permette alle famiglie di concedersi senza pensieri una settimana o più di svago e vacanza senza onerosi costi aggiuntivi, mentre gli albergatori possono riempire così tutti i posti disponibili.

Tale formula prevede inoltre sconti anche su un eventuale secondo figlio. Ogni figlio , infatti, a seconda dell’età, può usufruire delle agevolazioni previste da ogni singolo albergatore. Vi sono, infatti, albergatori che offrono alle famiglie addirittura la gratuità completa per i bambini al di sotto dei tre anni, mentre dai tre ai dodici è previsto uno sconto che va da un quindici per cento ad un trenta per cento.

Questo tipo di formula non conosce crisi e consente di accontentare anche le famiglie più esigenti e tutti le strutture turistiche , ormai, la applicano con un sempre più crescente successo.

Bambini gratis, inoltre , viene applicata per qualsiasi tipologia di albergo o villaggio turistico senza tenere conto delle fasce relative ai periodi dell’anno. Anche in agosto, ovvero, in alta e altissima stagione, si possono applicare queste tipologie di sconti. Ovviamente non è un obbligo per l’albergatore , ma certo rappresenta motivo di attrazione per chi è alla ricerca di una struttura il cui rapporto qualità prezzo sia conveniente per le proprie risorse economiche.

Al via, dunque, la ricerca di strutture che offrono il sistema bambini gratis. E tenere le strutture stesse in considerazione anche per gli anni successivi una volta costruito il rapporto di fidelizzazione.