I vantaggi di un’abitazione luminosa

Non tutti siamo esperti di design, ma vi sono sicuramente quelle poche cose che si sanno, che impariamo e conosciamo indirettamente e che, non a torto, consideriamo delle “verità assolute” senza doverci informare in maniera eccessiva.
Una di queste “verità” riguarda l’importanza di vivere in una casa che risulti luminosa, in grado di offrirci numerosi benefici fisici tra cui il miglioramento di vista e fisico, ma anche dell’umore, oltre  che sul benessere generale tanto di chi vi abita tanto di chi si ritrova in visita.
I benefici della luce solare sono risaputi, il Sole ci trasmette allegria, ci fa sentire bene, non è solo “il motore che fa funzionare il mondo” è anche un mezzo per sentirci bene con noi stessi e con gli altri, di conseguenza fare in modo che possa fare il suo ingresso anche all’interno di luoghi chiusi è un vantaggio tanto economico quanto generale.
Le cause di una casa buia
Spesso, però, chi vive in grandi città si ritrova ad abitare in case anguste, buie, con poche finestre e con l’obbligo di tenere le luci accese pur di poter leggere un bel libro o semplicemente preparare un pasto.
A parte il costo inferiore che spesso caratterizza queste case, le cause di una casa buia possono essere molteplici: prime fra tutte l’angolazione della casa o la posizione delle finestre.
Naturalmente agire sul primo punto può risultare complicato, ma dall’analisi di questo non può che derivare un’azione che ha a che vedere con la posizione e la grandezza delle finestre.
Le soluzioni
Vivendo all’interno della propria casa, con il tempo, si impara a capire quali sono le ore in cui arriva più luce e quali meno e questo non può che aiutarvi nella comprendere se le vostre finestre si trovano nella giusta posizione o se sono della giusta grandezza ed eventualmente scegliere d’agire magari applicandone di nuove rivolgendovi ad aziende come AeP Infissi che si occupa anche di Infissi in pvc a Roma, permettendo al cliente di scegliere senza dover rinunciare alla qualità e alle tendenze del momento.
Ricordate, tra le altre cose, che avere delle finestre piccole significa anche non avere la possibilità di far circolare l’aria nonostante sia necessario che all’interno di un’abitazione vi sia il giusto equilibrio tra ossigeno ed anidride carbonica, oltre che evitare che cattivi odori finiscano per saturare ambienti come la cucina.
Cercate dunque di modificare, ove possibile, i vostri infissi e allo stesso tempo di utilizzare colori chiari per le vostre pareti ed i vostri pavimenti, in modo da rendere meno soffocante l’ambiente.

Gli 11 migliori lettini da campeggio: classifica 2019, pro e contro

Gli 11 migliori lettini da campeggio: classifica 2019, pro e contro

Quando si viaggia con un bambino, non bisogna dimenticare di portare con sé un lettino da campeggio. È importantissimo, infatti, garantire ai più piccoli un posto sicuro e comodo per riposare, proprio come se fossero a casa. I lettini da viaggio sono utili non solo in campeggio, ma anche in hotel, case in affitto e altre strutture per le vacanze, che non sempre sono attrezzate per accogliere i bimbi.

In commercio si trovano tantissime tipologie di lettini da campeggio, da quelli pensati per adattarsi alla crescita del bambino a quelli mini per neonati di pochi mesi. Sceglierne uno non è facile, non basta basarsi solo sul prezzo, bisogna valutare le esigenze del bambino e dei genitori. Innanzitutto, dovete capire se volete utilizzare il lettino solo durante i primi mesi, oppure se avete intenzione di sfruttarlo per qualche anno. Nel primo caso, un lettino da campeggio mini andrà benissimo, non spenderete molto e vi permetterà di viaggiare leggeri. Se, invece, vi serve un lettino per un bambino già grandicello, o prevedete di utilizzarlo fino a quando crescerà abbastanza da dormire in un vero letto, vi conviene scegliere un modello standard, che di solito supporta fino a 15 kg di peso.

La struttura pieghevole dei lettini è più o meno sempre la stessa: i quattro lati della base sono in metallo, ma rivestiti in stoffa e imbottiti, mentre le pareti sono in tessuto sintetico e rete traspirante. Alcuni modelli hanno il materassino regolabile in altezza, per adattarsi alla crescita del bambino e permettere di utilizzare il lettino anche come box per giocare. Alcuni lettini, inoltre, hanno una porta con cerniera, per lasciare il bambino libero di entrare e uscire, e accessori vari, come il fasciatoio, vani portaoggetti e giochi in sospensione.

Insomma, la scelta è davvero vastissima! Per aiutarvi ad acquistare il lettino più adatto alle vostre esigenze, abbiamo stilato una classifica dei migliori lettini da campeggio, aggiornata al 2019, e una pratica guida all’acquisto con tutti gli elementi da prendere in considerazione.

I migliori lettini da campeggio del 2019

Per stilare la classifica dei migliori lettini da campeggio, abbiamo selezionato i modelli più venduti e meglio recensiti online, in particolare su Amazon. Di tutti troverete foto, caratteristiche, pro e contro emersi dalle recensioni di chi li ha acquistati e suggerimenti su dove trovarli al prezzo più conveniente.

1. Hauck Dream’n Play

lettino da campeggio Hauck Dream

Il lettino da campeggio Hauck Dream’n Play è il più venduto e meglio recensito su Amazon, grazie al suo ottimo rapporto qualità-prezzo. È molto leggero, si chiude facilmente e, una volta riposto nella sua borsa da trasporto è meno ingombrante di una valigia. Include un comodo materassino, su cui il bambino può dormire o giocare. Grazie alle ampie finestre in rete, il lettino è traspirante e permette al piccoli di vedere i genitori, per una maggiore tranquillità. Potete usarlo anche in casa, come secondo letto. Aperto misura 125 x 65 x 76 cm, chiuso 23 x 24 x 76 cm. Lo trovate su Amazon in sconto a partire da 55,20 euro.

Pro: secondo le opinioni degli utenti che lo hanno recensito, questo lettino è comodissimo, perché facile da montare, piegare e trasportare. I materiali sono di ottima qualità e il prezzo è conveniente.

Contro: alcuni utenti che lo hanno acquistato consigliano di aggiungere un materassino extra per rendere il lettino ancora più confortevole.

Hauck Dream N Play Lettino da Viaggio 3 Pezzi 120 x 60 cm per Neonati e Bambini Fino a 15 Kg con Materasso Borsa di Trasporto Pieghevole Leggero Anti-Ribaltamento Waterblue (Nero Blu) -26%

2. Hauck Dream’n Play Plus

lettino da campeggio Hauck Dream

Il lettino da campeggio Hauck Dream’n Play Plus è molto simile al modello precedente, ma con due differenze: lateralmente c’è una cerniera, apribile solo dall’esterno, utile per mettere a dormire i bambini senza doversi piegare e per permettere ai più grandicelli di entrare e uscire liberamente; oltre ai piedini fissi, questo modello ha delle pratiche rotelle, che aiutano a spostarlo da un ambiente all’altro. Anche questo lettino ha un materassino sottile incluso e, una volta chiuso e messo nella sua borsa, è pratico da trasportare. Misura aperto 125 x 65 x 76 cm e chiuso 23 x 24 x 76 cm. Lo potete acquistare su Amazon in sconto a partire da 49,99 euro.

Pro: secondo le recensioni, questo lettino è molto resistente, realizzato con materiali di qualità e facile da aprire e chiudere. Il rapporto qualità-prezzo è eccellente.

Contro: anche per questo modello, alcuni utenti consigliano di acquistare un materassino da viaggio aggiuntivo se lo si vuole usare per far dormire il bambino tutta la notte, per renderlo più comodo.

Hauck Dream N Play Plus Lettino da Viaggio 3 Pezzi 120 x 60 cm per Neonati e Bambini Fino a 15 Kg con Materasso, Borsa di Trasporto e Apertura Pieghevole Stabile Navy Aqua (Blu) -22%

3. Hauck Dream’n Play Center

lettino da campeggio Hauck Dream

Se cercate un lettino da viaggio super attrezzato, quello che fa per voi è l’Hauck Dream’n Play Center, che include fasciatoio, tasca portaoggetti, materassino e borsa di trasporto. Grazie all’altezza regolabile, questo lettino si adatta dalla crescita del bambino e può essere usato fin dalla nascita. È facile da montare e chiudere. È dotato di ruote, quindi si può spostare senza difficoltà. Lateralmente c’è una cerniera apribile solo dall’esterno, ottima per far entrare e uscire liberamente i bimbi che gattonano e usare il lettino come box giochi. Per un maggior confort, l’azienda produttrice consiglia di acquistare anche il materassino in schiuma Sleeper. Misura 68,5 x 125 x 82 cm. Lo trovate su Amazon in sconto a partire da 74,99 euro.

Pro: secondo le recensioni, questo lettino da viaggio ha un ottimo rapporto qualità-prezzo. È solido e resistente, adatto a bambini fino a 11 kg. Grazie all’altezza regolabile e al fasciatoio incluso, è pratico anche per i neonati.

Contro: come la maggior parte dei lettini pieghevoli, il materassino in dotazione è molto sottile, quindi alcuni utenti che lo hanno recensito consigliano di acquistare uno aggiuntivo.

Hauck Sleep N Play Center Lettino da Viaggio, Incluso Secondo Piano per Neonati, Fasciatoio, Ruote, Materassino, Borsa di Trasporto Pieghevole e Regolabile in Altezza, Multicolor Black (Nero) -27%

4. Chicco Goodnight

lettino da campeggio Chicco Goodnight

Il lettino da viaggio Chicco Good Night ha una pratica apertura a ombrello ed è per questo facilissimo da chiudere e riporre nella sua borsa. Grazie al doppio sistema di sicurezza, non si chiude accidentale durante l’uso. I lati sono in rete a maglia fine, per garantire la massima aerazione. La confezione include un materasso imbottito pieghevole e una custodia per il trasporto. Il lettino Chicco Good Night è adatto per bambini da 0 mesi a 15 kg, misura aperto: 122 x 76 x 63 cm e chiuso 20 x 76 x 22 cm. Lo potete acquistare su Amazon in sconto a partire da 69,95 euro.

Pro: secondo le recensioni, questo lettino è perfetto non solo da portare in viaggio, ma anche da tenere in casa come secondo lettino. Il sistema di sicurezza lo rende molto stabile.

Contro: come per gli altri lettini che abbiamo visto fino ad ora, anche per questo alcuni utenti consigliano di aggiungere un materassino extra per renderlo più confortevole.

Chicco 6079073800000 Goodnight Lettino, Blu -33%

5. CAM Lettino Sonno

lettino da campeggio CAM Sonno

Il lettino Sonno Cam è ottimo per viaggiare e da tenere in casa come secondo letto o box giochi. Una volta chiuso, è compatto e si conserva nella sua borsa da trasporto. Ha un’ampia tasca portaoggetti e un comodo materassino imbottito. È anche molto bello esteticamente, grazie ai disegni laterali. Le ampie finestre in rete garantiscono la traspirazione. Misura aperto 126,5 x 66,5 x 73,5 cm. Lo trovate su Amazon in sconto a partire da 53,50 euro.

Pro: secondo le recensioni degli utenti su Amazon, questo lettino, oltre a essere molto carino esteticamente, è comodo, pratico e ha nel complesso un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Contro: sempre secondo alcune recensioni, il lettino non è facilissimo da chiudere e, una volta chiuso, risulta un po’ pesante. Gli stessi utenti che hanno fatto questo appunto hanno però specificato che non si tratta di difetti, in quanto questi fattori rendono il letto più robusto, resistente e sicuro.

CAM Il mondo del bambino L117/86 Lettino Sonno, Beige -27%

6. Infantastic Starfish

lettino da campeggio Infantastic Starfish

Un altro lettino da viaggio molto carino esteticamente, oltre che funzionale, è lo Starfish di Infantastic, con decorazioni a tema stella marina. È facile da aprire e chiudere e, nonostante le sue dimensioni compatte, è molto comodo per dormire e giocare. Il materassino è regolabile in altezza, quindi può essere usato fin dalla nascita. Grazie all’apertura laterale con zip, i bambini possono divertirsi a entrare e uscire liberamente e le mamme possono metterli a dormire senza piegarsi in modo scomodo. Il lettino è dotato di ampia tasca portaoggetti, fasciatoio e arco con giochi in sospensione. Aperto misura 126 x 66 x 82 cm, chiuso 75 x 25 x 22 cm. Lo potete acquistare su Amazon a 66,95 euro.

Pro: secondo le recensioni, è ottimo come secondo lettino da casa e come lettino da viaggio. Ha un bel design e tanti pratici accessori.

Contro: alcuni utenti non l’hanno trovato facilissimo da chiudere, ma ciò garantisce la robustezza e la sicurezza del lettino.

Lettino da viaggio pieghevole con fasciatoio e fiocco da gioco, 126 x 66 cm, incl. Supporto e borsa per il trasporto | Selezione del colore | Culla, Letto pieghevole, Lettino campeggio

7. Safety 1st Soft Dreams

lettino da campeggio Safety 1st Soft Dreams

Il lettino pieghevole Safety 1st Soft Dreams è facile da aprire e chiudere, grazie alla chiusura a ombrello. Per questo è ottimo non solo in viaggio, ma anche per chi cerca un lettino da tenere in casa dei nonni e aprire solo all’occorrenza. Una volta chiuso, è compatto e si conserva nella sua borsa per il trasporto. È indicato dalla nascita, fino ai 15 kg di peso. La base in fibra di legno imbottita è stabile e confortevole. Misura aperto 77 x 120 x 77 cm e chiuso 77 x 22 x 22 cm. Lo trovate su Amazon in sconto a partire da 44,90 euro.

Pro: le opinioni degli utenti che hanno recensito questo lettino sono molto positive: ha un ottimo rapporto qualità-prezzo, è facile da utilizzare e da chiuso occupa pochissimo spazio.

Contro: non include un materassino, bisogna quindi acquistarne uno aggiuntivo da sistemare sulla base in fibra di legno imbottita.

Safety 1st Soft Dreams Lettino da Campeggio per Bambini, Pieghevole, Leggero e Compatto, Colore Navy Blu -11%

8. Froggy

lettino da campeggio Froggy

Il lettino da campeggio Froggy è dotato di un meccanismo pieghevole facile da usare e, una volta chiuso, è estremamente compatto. Tuttavia, da aperto è spazioso e molto pratico. È perfetto dalla nascita ai 36 mesi (15 kg di peso), perché ha il supporto del materassino regolabile in altezza, il fasciatoio e un arco con giochi in sospensione. La rete traspirante laterale e il rivestimento in nylon lavabile lo rendono perfettamente igienico. Da aperto misura circa 121 x 68 x 87 cm. Lo potete acquistare su Amazon a 54,99 euro.

Pro: secondo le recensioni, questo lettino è facile da aprire, chiudere e trasportare. I materiali sono di ottima qualità e ha un bel design. Buono anche il prezzo.

Contro: non include un materassino, quindi gli utenti che lo hanno recensito hanno acquistato anche il materassino pieghevole suggerito da Amazon.

Froggy Lettino da Viaggio Lettino da Campeggio Pieghevole con Fasciatoio e Borsa per il trasporto Beige

9. CAM Daily Plus

lettino da campeggio CAM Daily Plus

Il lettino CAM Daily Plus è uno dei più completi, e dei più belli, attualmente sul mercato. Include, infatti, fasciatoio, capottina con peluches removibili, zanzariera e tasca portaoggetti. Ha inoltre una pratica finestra con cerniera, due ruote con blocco e una borsa da viaggio. Può essere usato da 0 a 36 mesi, fino a 15 kg di peso. Le pareti laterali sono decorate con graziosissime serigrafie e hanno ampie finestre in rete traspirante. Da aperto il lettino misura 128,5 x 73 x 117 cm, da chiuso 22,5 x 21 x 79 cm. Lo trovate su Amazon in sconto a partire da 107,10 euro.

Pro: è un bellissimo lettino, ricco di accessori e pratico da utilizzare in casa o in vacanza.

Contro: alcuni utenti hanno avuto difficoltà a montare il lettino la prima volta, a causa delle istruzioni poco chiare.

CAM Il mondo del bambino L113/222 Lettino Daily Plus, Blu -7%

10. Hauck Dream’n Play Center 7 pezzi

lettino da campeggio Hauck Dream

Un altro lettino da viaggio che segue il bambino dalla nascita ai 36 mesi (fino a 15 kg di peso) è l’Hauck Dream’n Play Center da 7 pezzi, che include: fasciatoio per cambiare il pannolino, tasca portaoggetti, accessorio letto da viaggio, ruote, uscita laterale, materasso pieghevole e borsa da trasporto. L’altezza è regolabile, si monta e chiude facilmente e occupa pochissimo spazio. Grazie alle ruote, è facile spostarlo da una stanza all’altra. La cerniera laterale trasforma il lettino in una divertente area giochi e permette ai bambini di entrare e uscire liberamente. Carinissimo il design a tema “forest fun”. Misura 68,5 x 125 x 80 cm. Lo potete comprare su Amazon in sconto a partire da 89,99 euro.

Pro: secondo le recensioni, questo lettino è di ottima qualità. Si monta e chiude facilmente, si sposta altrettanto facilmente grazie alle rotelle ed è adatto a bambini dalla nascita a 36 mesi.

Contro: come la maggior parte dei lettini da viaggio, anche questo, secondo alcuni utenti che lo hanno recensito, è più comodo con un materassino aggiuntivo.

Hauck Sleep N Play Center II Lettino da Viaggio, 7 Pezzi, Neonato fino a 15 kg, Altezza Regolabile con Apertura, Fasciatoio, Ruote, Materasso, Borsa di Trasporto, Tasca Pieghevole, Forest Fun -9%

11. Safety 1St Mini Dreams

lettino da campeggio Safety 1St Mini Dreams

Concludiamo la classifica con un lettino da viaggio per neonati, il Safety 1St Mini Dreams. Grazie alle sue dimensioni ridotte (88 x 59 x 76 cm), è perfetto per i bambini fino a 9 kg. Sotto al materasso c’è un ampio vano porta oggetti, dove è possibile riporre coperte e biancheria. Inoltre, lateralmente ci sono due pratiche tasche. Il materasso è collocato a un’altezza ideale, che permette ai genitori di mettere a dormire il piccolo senza sforzi e senza rischiare di svegliarlo. Le ruote con freno facilitano il trasporto. Lo trovate su Amazon a 59 euro.

Pro: secondo le recensioni, il lettino è realizzato con materiali di alta qualità, è facile da aprire e chiudere, bello esteticamente e molto comodo da trasportare.

Contro: è adatto a bambini fino a 9 kg, ma è ottimo per chi cerca un lettino leggero e poco costoso, da usare solo durante i primi mesi.

Safety 1St Mini Dreams Culla da Viaggio, Lettino da Campeggio per Bambini e Neonati, con Materassino e Vano Portaoggetti, Warm Gray

Come scegliere il miglior lettino da campeggio

Abbiamo visto quali sono i migliori lettini da viaggio per bambini attualmente sul mercato, vediamo ora come scegliere tra tutti quello più adatto alle proprie esigenze. Il primo elemento da prendere in considerazione è la struttura del lettino, da valutare in base all’uso che se ne intende fare e all’età del bambino.

È importante poi verificare la praticità d’uso del lettino, che deve essere poco ingombrante, leggero, facile da montare e ripiegare. Ovviamente, deve essere estremamente confortevole per il bambino, che deve poter dormire comodamente e in totale sicurezza.

Per quanto riguarda la sicurezza, assicuratevi che il lettino sia conforme alle normative, non solo per l’ergonomia, ma anche per la qualità dei materiali. Non dimenticate poi di controllare che sia facile da pulire e mantenere in buono stato.

Infine, valutate il rapporto qualità-prezzo e la marca, tenendo presente che scegliere una marca conosciuta e specializzata da anni nella produzione di prodotti per bambini è un’ottima garanzia di qualità. Vediamo tutto nei dettagli.

Struttura

Come abbiamo anticipato, il primo elemento da prendere in considerazione nella scelta del lettino da campeggio è la struttura. La maggior parte dei lettini attualmente in commercio ha una forma molto semplice, simile a quella dei box, ma a base rettangolare. È la struttura più pratica e comoda da richiudere. Alcuni modelli hanno il materassino regolabile in altezza e una porticina laterale con cerniera, per permettere ai bambini di entrare e uscire liberamente. Questi sono lettini adatti a bambini da 0 a 3 anni, fino a 15 kg di peso. Ci sono poi i lettini da campeggio per neonati, adatti solo ai primi mesi, che hanno dimensioni minori e reggono un peso massimo di circa 9 kg. Il loro vantaggio è che sono piccoli e leggeri, quindi più facili da trasportare.

Tenete presente, però, che la scelta non va fatta solo in base all’età del bambino, ma anche all’uso che intendete fare del lettino. Se volete usarlo solo in viaggio, vi conviene scegliere un modello leggero, compatto e facile da richiudere, senza troppi accessori. Se, invece, volete utilizzarlo anche in casa (ad esempio come secondo lettino in una casa a più piani, per tenere sempre il bambino con voi, o a casa dei nonni) vi conviene scegliere un modello con fasciatoio, tasche portaoggetti e rotelle per portarlo da una stanza all’altra.

Praticità d’uso

Il lettino da viaggio deve essere estremamente pratico. Assicuratevi, quindi, che sia facile da montare seguendo le istruzioni, facile da richiudere e riporre nell’apposita borsa (che non deve mai mancare nella confezione) e ovviamente facile da aprire. Se prevedete di usarlo anche in casa, scegliete un modello con ruote per trasportarlo da una stanza all’altra.

Sia da aperto che da chiuso, il lettino deve essere compatto e poco ingombrante, ricordate sempre di controllare le misure. È importante anche che sia leggero da trasportare, ma abbastanza solido da restare ben fermo e durante l’uso. Infine, assicuratevi che il rivestimento sia in tessuto lavabile (meglio se anche sfoderabile) e che le pareti laterali abbiano ampie finestre in rete traspirante.

Comfort

Il lettino da viaggio deve essere confortevole, sia per il bambino che per i genitori. Il fondo deve essere rigido e stabile, mentre il materasso deve essere alto, morbido e comodo. Le pareti laterali devono essere in rete, sia per assicurare la traspirazione, sia per permettere ai bambini di guardare all’esterno e ai genitori di controllarli facilmente.

Le sponde devono essere sempre abbastanza alte da evitare che il bambino possa scavalcare e non dovrebbe mai mancare una finestrella con cerniera apribile solo dall’esterno, per permettere ai più grandicelli di entrare e uscire liberamente. Il piano d’appoggio del materasso deve essere regolabile in altezza, per aiutare i genitori a mettere il bambino nel lettino senza sforzarsi.

Sicurezza e materiali

Come tutti i prodotti per bambini, anche il lettino da campeggio deve essere sicuro. È vero che dovrebbe essere leggero da trasportare, ma tenete presente che un lettino troppo leggero potrebbe anche risultare poco stabile. Assicuratevi che sia quindi fatto con materiali robusti, che abbia sistemi di sicurezza anti-ribaltamento e anti-chiusura accidentale.

Tutte le parti in metallo devono essere imbottite e rivestite in tessuto impermeabile, in particolare i bordi, che i bambini potrebbero mordicchiare. Ovviamente, le parti in PVC devono essere prive di ftalati e in generale tutti i materiali devono essere certificati secondo gli standard di sicurezza europei.

Marca e prezzo

Scegliere una marca conosciuta, specializzata nella produzione di lettini e altri accessori per bambini, è sicuramente garanzia di qualità. Le migliori marche di lettini da campeggio sono Hauck, CAM e Chicco, che hanno un ottimo rapporto qualità-prezzo.

In generale, i lettini da viaggio non sono molto costosi ed è possibile trovare un buon prodotto anche a meno di 50 euro. Solo i modelli più accessoriati, con fasciatoio e giochi, possono arrivare a costare 100 euro o poco più.

Dove comprare i lettini da viaggio

Potete acquistare i lettini da viaggio nei negozi che vendono culle, passeggini e altri articoli per bambini. Nei negozi fisici, però, la scelta è limitata, per ovvi motivi di spazio, quindi non possiamo assicurarvi che troverete tutti i modelli che abbiamo inserito nella nostra classifica.

Per trovare un vasto assortimento, vi consigliamo di dare un’occhiata online, in particolare su Amazon, che ha tantissimi lettini da campeggio di ogni tipo, spesso a prezzo scontato.

Fonte: Gli 11 migliori lettini da campeggio: classifica 2019, pro e contro

Migliori cuociriso: classifica marzo 2019 e offerte

Migliori cuociriso: classifica marzo 2019 e offerte

Il cuociriso è un elettrodomestico che permette di cuocere a vapore o a pressione il riso e altri alimenti, come le verdure, in modo semplice e veloce. È nato in Giappone negli anni ’50 ed è subito diventato uno strumento indispensabile per le famiglie orientali, grandi consumatrici di riso. Negli anni ’60, sempre in Giappone, sono stati messi in commercio i primi cuociriso a gas, mentre nel decennio successivo negli Stati Uniti sono stati inventati i cuociriso a induzione, che sono ancora oggi molto diffusi.

Se in Giappone, Cina e Corea, paesi che consumano riso al posto di pane e pasta quotidianamente, in ogni casa c’è questo piccolo elettrodomestico, in Italia si è diffuso solo in tempi recenti e oggi in commercio si trovano diversi tipi di cuociriso. Alcuni funzionano come delle vaporiere (nella pentola inferiore, riscaldata da una resistenza, va messa l’acqua e nel cestello superiore il riso), altre come delle pentole a pressione (acqua e riso vanno messi entrambi nel recipiente di cottura, che viene riscaldato dalla resistenza, quando l’acqua si asciuga il riso è pronto).

Perché comprare un cuociriso? Innanzitutto, perché la cottura, a differenza di quella nella pentola, mantiene i chicchi sodi e ne preserva il sapore. Rispetto alle pentole vaporiere e alle vaporiere elettriche non studiate appositamente per la cottura del riso, i cuociriso hanno un cestello che rende la cottura dei chicchi omogenea e veloce. In pochi minuti, riuscirete a cuocere grandi quantità di riso in modo impeccabile, senza il minimo sforzo!

Se non avete mai usato un elettrodomestico di questo tipo e non sapete bene quali sono le sue caratteristiche, probabilmente avrete difficoltà a scegliere il cuociriso più adatto alle vostre esigenze, tra tutti quelli attualmente in commercio. Per aiutarvi, abbiamo quindi stilato una classifica dei 10 migliori cuociriso del 2019 e una pratica guida all’acquisto, con tutti i fattori da prendere in considerazione.

I 10 migliori cuociriso del 2019

Per stilare la classifica dei migliori cuociriso del 2019, abbiamo selezionato i più venduti e meglio recensiti online, in particolare su Amazon. Di tutti i prodotti troverete foto, caratteristiche tecniche, pro e contro emersi della recensioni degli utenti, prezzi ed eventuali offerte.

1. Russell Hobbs 19750-56 Cuociriso Cook&Home

Russell Hobbs 19750-56 Cuociriso Cook and Home

Il Cuociriso Cook&Home Russell Hobbs è in assoluto il più venduto e meglio recensito su Amazon. È molto capiente, riesce infatti a cuocere fino a 10 tazze di riso (1,8 litri) alla volta, ed è quindi perfetto per le famiglie o per chi ogni giorno sostituisce i farinacei con il riso. All’interno della vaporiera ci sono un contenitore antiaderente removibile, per la cottura del riso, e un vassoio per cuocere a vapore verdure e pesce. La confezione include anche una spatola e un misurino. La potenza è di 700 Watt e si può regolare su due livelli. A fine cottura, il cuociriso si spegne automaticamente. Lo trovate su Amazon scontato a 24,90 euro invece di 39,99 euro, oppure su Unieuro allo stesso prezzo.

Pro: dalle recensioni, emerge che questo cuociriso ha un eccellente rapporto qualità-prezzo: cuoce benissimo il riso e le verdure, è facile da usare e da pulire. Nonostante costi pochissimo, non ha nulla da invidiare agli apparecchi più costosi.

Contro: alcuni utenti che l’hanno recensito hanno detto che dal forellino sul coperchio a volte esce uno spruzzo di acqua di cottura che può sporcare i pensili. Raccomandano, perciò, di mettere il cuociriso su un tavolo o nel lavandino.

Russell Hobbs 19750-56 Cuociriso, 700 Watt, 1.7 Litri, Acciaio Inossidabile, Nero/Acciaio -18%

2. Cuociriso Tristar RK-6117

Cuociriso Tristar RK-6117

Se cercate un cuociriso piccolo, adatto a single, coppie o al massimo per tre persone, vi consigliamo il Tristar RK-6117, che ha una capacità di 0,6 litri e può cuocere massimo 3 porzioni di riso. Grazie alle sue piccole dimensioni, è facile da riporre ed è quindi consigliato anche a chi in casa ha solo un angolo cottura. Il fatto che sia un mini cuociriso non vuol dire che non sia di qualità, anzi, cuoce il riso alla perfezione, grazie alla protezione automatica contro la bollitura a secco, che previene la bruciatura. Inoltre, lo mantiene in caldo per ore. Il contenitore interno con rivestimento antiaderente è removibile e lavabile in lavastoviglie. Nella confezione sono inclusi anche un misurino, una spatola e un cucchiaio. Il processo di cottura si avvia e si interrompe semplicemente premendo l’interruttore on/off separato. La potenza è di 300 Watt. Lo potete comprare su Amazon scontato a 23,29 euro.

Pro: è un ottimo cuociriso compatto per chi deve preparare al massimo tre porzioni. È facile da usare e da pulire. Buono il rapporto qualità-prezzo.

Contro: alcuni utenti che l’hanno recensito hanno trovato il coperchio leggero e un po’ fragile.

Cuociriso Tristar RK-6117 – 0,6 litri – Funzione di mantenimento in caldo -3%

3. Black+Decker Cuociriso RC1860

Blackand Decker Cuociriso RC1860

Torniamo ai modelli grandi con il Cuociriso RC1860 Black+Decker, che ha una capacità di 1,8 litri, pari a circa 7-8 porzioni di riso. La cottura è facile e veloce, grazie alla potenza di 700 Watt. Inoltre, a cottura terminata, si avvia automaticamente la modalità di mantenimento in caldo. Un indicatore LED indica se l’apparecchio è in modalità cottura o mantenimento. Il coperchio è in vetro resistente al calore e sotto alla macchina ci sono dei comodi piedini antiscivolo. Oltre al contenitore di cottura antiaderente, c’è anche un vassoio separato per la cottura di altri ingredienti, come verdure, pesce e pollo. Lo potete acquistare su Amazon a 40,87 euro.

Pro: gli utenti che lo hanno acquistato e recensito su Amazon si sono detti molto soddisfatti di questo cuociriso, sia per la qualità di materiali, sia per l’efficacia nel cuocere riso, verdure e cereali vari, come orzo e farro. Anche a cottura terminata, il riso resta caldo ma non continua a cuocere e non si attacca. Inoltre, è facile da pulire perché tutte le parti smontabili possono essere lavate in lavastoviglie.

Contro: sempre secondo le recensioni, è più adatto a chi ha bisogno di preparare molte porzioni, perché con poco riso la cottura è meno precisa.

BLACK+DECKER Rc1860 Cuociriso, Potenza 700 W

4. Cuociriso Tristar RK-6127

Cuociriso Tristar RK-6127

Se vi interessa il cuociriso Tristar, ma il modello che abbiamo inserito al secondo posto della classifica è troppo piccolo, potete provare questo. Ha una capacità di 1,5 litri, una potenza di 500 Watt e riesce a cuocere in una sola volta fino a 10 porzioni di riso. Funziona come una pentola a pressione elettrica: una resistenza riscalda il contenitore di cottura, dove bisogna inserire il riso e l’acqua. Grazie alla protezione contro la bollitura a secco, è sicurissimo da usare e non dovrete preoccuparvi che il riso possa bruciarsi restando nella pentola per troppo tempo. Dopo la cottura, si avvia direttamente la modalità di mantenimento in caldo, che tiene il riso tra i 70 e i 75 °C, senza scuocerlo. Una spia luminosa indica se è attiva la modalità cottura o mantenimento. La ciotola interna è in materiale antiaderente e può essere lavata in lavastoviglie. Il cuociriso è dotato anche di misurino, spatola e cucchiaio. Lo trovate su Amazon scontato a 31,39 euro invece di 34,95 euro.

Pro: dalle recensioni, emerge che questo cuociriso ha un ottimo rapporto qualità-prezzo. Nonostante costi poco, infatti, cuoce bene grandi quantità di riso e in pochissimo tempo.

Contro: secondo alcuni utenti che l’hanno recensito, dal coperchio ogni tanto fuoriescono degli spruzzi di vapore e acqua di cottura.

Cuociriso Tristar RK-6127 – Capacità di 1,5 L – Funzione di mantenimento in caldo -10%

5. Arendo Vaporiera Cuociriso

Arendo Vaporiera Cuociriso

La Vaporiera Cuociriso Arendo ha una capacità di 1 litri, sufficiente a preparare riso per circa quattro persone. Oltre al riso, può cuocere altri alimenti, come verdure, pesce, pollo, carne. Grazie alla funzione di mantenimento in caldo, potrete gustare le vostre pietanze calde anche molto tempo dopo la cottura. Una spia luminosa indica se è in atto la cottura (luce rossa) o il mantenimento (luce arancione. Il cuociriso è realizzato in acciaio inox di alta qualità ed è dotato di contenitore di cottura, misurino, paletta e set per la cottura a vapore. Cuoce tutto abbastanza velocemente, perché ha una potenza di 400 Watt. È disponibile su Amazon a 29,85 euro.

Pro: è capiente, potente e, grazie al cestello superiore, può cuocere a vapore anche altri alimenti, per preparare in poco tempo un pasto completo.

Contro: le istruzioni sono solo in tedesco, quindi all’inizio può essere difficile capire bene come funziona.

Arendo - Vaporiera Cuociriso in acciaio inox | Incl. funzione Steamer | Cuoci a vapore da 1,0L | Funzione di tenuta in caldo | Con pentola interna e coperchio, misurino, spatola, unità cuocivapore

6. Cuociriso Tefal RK102811 Classic 2

Tefal RK102811 Classic 2

Il cuociriso Tefal Classic 2 è perfetto per le famiglie numerose: ha una capacità di 3 litri, sufficiente per 6-10 porzioni, ed è velocissimo, grazie alla potenza di 500 Watt. Oltre al recipiente antiaderente per la cottura del riso, ha anche un cestello per cuocere contemporaneamente a vapore altri alimenti, come verdure, carne e pesce. Nonostante l’abbondante capienza, ha un design compatto che la rende poco ingombrante. Lo potete acquistare su Amazon a 56,53 euro.

Pro: secondo le recensioni di chi l’ha acquistato su Amazon, è ottima per cuocere in circa 15 minuti grandi quantità di riso e contemporaneamente delle verdure a vapore.

Contro: non ha un timer, quindi bisogna controllare la cottura del riso per evitare che si bruci o cuocia troppo.

Tefal RK102811 Classic - Cuoci riso, colore: nero metallizzato

7. Klarstein Sapporo Cuociriso

Klarstein Sapporo Cuociriso

Il Cuociriso Sapporo di Klarstein è una macchina professionale, che promette una cottura impeccabile, come quella dei ristoranti orientali. Il corpo e i contenitori sono in acciaio inox, la pentola è rivestita con materiale antiaderente, il coperchio e le applicazioni sono in plastica. Ha una potenza di 400 Watt e una capienza di 1 litri. Funziona con un solo tasto e, appena il riso è pronto, interrompe la cottura e avvia la modalità di mantenimento in caldo, evitando che bruci o si attacchi. Nella confezione sono inclusi anche un vassoio, un misurino e un cucchiaio. Lo trovate su Amazon a partire da 32,99 euro.

Pro: secondo le recensioni, cuoce il riso in pochissimo tempo, senza bruciarlo né farlo attaccare. Ha un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Contro: mancano le istruzioni in lingua italiana, ma l’uso è comunque molto intuitivo.

Klarstein Sapporo Cuociriso 1 litro Funzione Mantenimento a Caldo in Acciaio Inox

8. Cuociriso Princess 271950

Cuociriso Princess 271950

Il Cuociriso Princess è molto versatile: oltre che per cuocere il riso, infatti, può essere usato anche per preparare il porridge, la frittata e perfino torte! La pentola interna antiaderente (lavabile in lavastoviglie) ha una capacità di 1,8 litri, pari a 10 porzioni di riso. A cottura ultimata, si spegne automaticamente, per evitare il surriscaldamento. Ha una potenza di 700 Watt ed è realizzato in acciaio inox di alta qualità. Lo potete comprare su Amazon in offerta a 31,67 euro invece di 56,99 euro.

Pro: è realizzato con materiali di ottima qualità, è potente e molto capiente.

Contro: secondo gli utenti che lo hanno recensito, bisogna controllare l’avanzamento della cottura per ottenere un buon risultato, perché non è molto preciso.

Cuociriso Princess 271950 – 1,8 litri – Design RVS -44%

9. Zojirushi Rice Cooker

Zojirushi Rice Cooker

Zojirushi Rice Cooker è un cuociriso giapponese di qualità elevatissima. A differenza dei modelli di uso comune in Occidente, i cuociriso orientali sono computerizzati, dei veri gioiellini tecnologici con microprocessore, che offrono diverse modalità di cottura, con risultati sempre impeccabili. Questo modello, in particolare, ha sei modalità: riso, riso cotto, riso rapido, riso sushi, riso senza risciacquo e porridge di riso. Ovviamente, ha il timer e la funzione di mantenimento in caldo. La potenza è di 450 Watt e la capacità è di 1 litro. Lo trovate su Amazon a 242 euro.

Pro: grazie al microprocessore integrato, cuoce tutti i tipi di riso in modo impeccabile. Come confermano le recensioni su Amazon, il riso non si scuoce mai, non si incolla e non si brucia. I tempi di cottura sono molto precisi. Eccellente la qualità dei materiali.

Contro: costa più dei cuociriso occidentali che abbiamo visto fino a ora, ma il prezzo è ampiamente giustificato dall’altissima qualità dell’apparecchio. Le istruzioni sono solo in Inglese e Giapponese.

「Disponibile in Italia」ZOJIRUSHI rice cooker 0.54L NS-LLH05-XA(for 220-230V, 50/60Hz)

10. Cuociriso Panasonic SR-DF181

Cuociriso Panasonic SR-DF181

Pur non essendo giapponese, il Cuociriso SR-DF181 Panasoni ha prestazioni molto simili. Ha, infatti, un microprocessore che regola la cottura del riso, con sei diversi programmi pre-impostati. La tecnologia Fuzzy Logic imposta automaticamente potenza e tempi di cottura. Quando il riso è pronto, lo mantiene caldo fino a 5 ore. Ha una capacità di 1,8 litri (10 tazze) e una potenza di 750 Watt. Lo potete acquistare su Amazon a 150,44 euro.

Pro: basta seguire le istruzioni e impostare il giusto programma per cuocere ogni tipo di riso in modo impeccabile, senza scuocerlo né bruciarlo.

Contro: come i modelli orientali, ha un costo leggermente superiore alla media, ma anche in questo caso è giustificato dall’ottima qualità.

Panasonic sr-df181wxb – Cuociriso/vaporiera, Capacità 1.8 l, 6 modalità di cottura, 750 W, colore: bianco

Come scegliere il cuociriso

Abbiamo visto quali sono i migliori cuociriso attualmente in commercio, approfondiamo ora quali sono gli elementi di cui tenere conto prima di procedere all’acquisto. Il primo fattore da valutare è la tipologia di cuociriso, che può essere una semplice pentola elettrica per cuocere il riso a vapore, o un apparecchio più avanzato come quelli diffusi in Giappone.

È poi importante osservare la struttura dell’elettrodomestico: l’ingombro, il peso, la capacità, il tipo di cestello, la presenza di maniglie. Fatto ciò, bisogna informarsi su tutte le funzioni del cuociriso. Mentre i modelli più semplici ed economici, infatti, si limitano a cuocere il riso a vapore e al massimo a tenerlo in caldo, quelli più costosi hanno diversi programmi di cottura, per cuocere in modo impeccabile tutti i tipi di riso.

Infine, gli aspetti più pratici: potenza e consumi, facilità di utilizzo e di pulizia, qualità dei materiali e prezzo. Vediamo tutto nei dettagli.

Tipologia

In commercio si trovano due tipologie principali di cuociriso: semplice e avanzata. Il cuociriso semplice è quello più diffuso in Occidente, nonché più economico. Assomiglia a una pentola elettrica, in quanto è formata da un recipiente esterno riscaldato da una resistenza elettrica e uno interno in materiale antiaderente, in cui bisogna mettere riso e acqua nelle giuste proporzioni. Quando tutta l’acqua si asciuga, il riso è cotto. Alcuni modelli hanno anche un cestello superiore in cui cuocere a vapore diversi alimenti, come verdure, pesce e pollo. Di solito il coperchio è in vetro trasparente, per controllare la cottura. La potenza di questi modelli difficilmente supera i 600 Watt e la capienza massima è di 10 tazze. Il costo va dai 30 ai 100 euro massimo.

Il cuociriso avanzato, usato in Giappone e nei paesi orientali, meno diffuso in Italia, ha una struttura ovoidale completamente chiusa, che ricorda quella dei multicooker. Ha tantissimi programmi di cottura, regolati automaticamente da un microcip interno e selezionabili da un display. Il funzionamento di base è quello delle pentole a pressione: il coperchio, completamente sigillato, evita la fuoriuscita di vapore e provoca quindi un aumento della pressione e della temperatura. Ovviamente, ci sono sempre dei sistemi di sicurezza che evitando incidenti dovuti all’elevata pressione. Rispetto ai modelli semplici, le prestazioni sono decisamente migliori: il riso non scuoce mai, non si attacca, non si brucia e rimane morbido a lungo. Il costo, purtroppo, è molto elevato: parte dai 200 euro e può superare i 1000 euro.

Quale tipologia vi consigliamo di scegliere? Se siete grandi consumatori di riso e volete una macchina che, usata tutti i giorni, vi duri nel tempo, vi conviene comprare un cuociriso avanzato. Se, invece, preparate il riso al massimo un paio di volte a settimana e cercate solo un modo per cuocerlo più velocemente, potete optare per un modello semplice.

Struttura

Il secondo fattore decisivo nella scelta del cuociriso è la struttura. Come potete notare dalla nostra classifica, in commercio si trovano cuociriso di diverse dimensioni e capacità. Per scegliere quello più adatto alle vostre esigenze, dovete tenere conto del numero di persone per cui dovete cucinare: se avete bisogno di cuocere riso per 2-3 persone massimo, scegliete un modello di piccole dimensioni, con una capacità di 3-4 tazze (meno di 1 litro), se invece dovete cucinare per più di 4 persone, o se volete cuocere il riso per più giorni in una sola volta, scegliete un modello da 10 tazze. Tenete sempre presente, però, che le macchine molto capienti sono anche ingombranti e pesanti, quindi se avete poco spazio in cucina, forse non fanno al caso vostro.

Non dimenticate, poi, di controllare quali accessori sono inclusi nella confezione. Un recipiente per la cottura del riso c’è sempre, ma dovete assicurarvi che sia rivestito con materiale antiaderente e che si possa lavare in lavastoviglie. Se volete cuocere contemporaneamente al riso anche verdure o altri alimenti, scegliete un modello con cestello per cottura al vapore, da montare sul recipiente. Infine, sono sempre utili misurini, spatole e cucchiai.

Funzioni

Ovviamente, è importante anche valutare le funzioni che il cuociriso offre. Quelle base, che dovrebbero essere presenti in tutti i modelli, sono:

  • accensione e spegnimento con pulsante on-off;
  • mantenimento in caldo, per tenere il riso in caldo anche per molte ore dopo la cottura, evitando che si attacchi;
  • spie luminose, che indicano quando l’apparecchio sta cuocendo e quando invece è in modalità mantenimento in caldo.

Le funzioni extra presenti nei modelli più avanzati e costosi sono:

  • timer per impostare i tempi di cottura,
  • regolazione della pressione su più livelli, per cuocere perfettamente vari tipi di riso e altre pietanze;
  • estensione del mantenimento in caldo, per conservare il riso in caldo anche per a 24 ore;
  • programmi preimpostati, per preparare varie pietanze a base di riso e altri ingredienti, come con un multicooker;
  • impostazioni specifiche per i vari tipi di riso, per ottenere una cottura sempre impeccabile;
  • tecnologia intelligente, che regola la temperatura di cottura in base alle condizioni atmosferiche e quindi alla temperatura esterna. È una funzione presente solo nei modelli orientali più avanzati.

Potenza e consumi

Come per tutti gli elettrodomestici, la potenza dei cuociriso si misura in Watt. I modelli più semplici ed economici hanno dai 250 a 400 Watt. Essendo poco potenti, impiegano molto tempo a cuocere il riso, almeno 30 minuti. I modelli avanzati, invece, possono raggiungere i 1000 Watt e sono quindi molto veloci.

Non dimenticate, però, che a una potenza elevata corrispondono consumi elevati, quindi se volete usare l’elettrodomestico tutti i giorni, vi conviene sceglierne uno con wattaggio medio.

Praticità d’uso e manutenzione

Il cuociriso è un elettrodomestico pensato per semplificare la vita. È importante, quindi, che sia facile da usare, pratico e veloce. Vi consigliamo di scegliere un modello con tasti e display intuitivo per regolare le varie impostazioni di cottura, o almeno con una spia luminosa che indichi quando è in funzione. Anche il timer e sistemi di sicurezza come lo spegnimento automatico a fine cottura sono indispensabili.

Per quanto riguarda la pulizia e la manutenzione, se non volete passare più tempo a pulire il cuociriso che a cucinare, vi conviene scegliere un modello con parti removibili e lavabili in lavastoviglie. Infine, specialmente se siete alle prime armi, scegliete un apparecchio con un manuale di istruzioni chiaro e magari anche con ricettario.

Materiali

La scelta dei materiali non va trascurata. Il materiale migliore, sia per la struttura esterna che per le parti interne, è l’acciaio inox, che resiste alle alte temperature e non è tossico. Il cestello di cottura, però, deve essere sempre rivestito con un materiale antiaderente, ad esempio la ceramica.

I modelli più economici hanno parti in plastica, in questo caso non dimenticate di controllare che siano BPA Free. Il coperchio è spesso in vetro, materiale ottimo per controllare il livello di cottura, ma potenzialmente soggetto a rotture, soprattutto se non adeguatamente resistente al calore.

Marca e prezzo

Inutile negarlo: la marca negli elettrodomestici è importante. Scegliere un marchio noto e specializzato nella produzione di cuociriso è una garanzia di qualità. Come potete notare guardando la nostra classifica, le migliori marche di cuociriso sono Russel Hobbs, Trisar, Tefal e Black+Decker. In realtà, i migliori in assoluto sono i cuociriso giapponesi, ma non sono facili da reperire.

Per quanto riguarda il prezzo, si parte dai 30 euro per i modelli più semplici e si arriva a più di 200 euro per quelli avanzati.

Dove comprare i cuociriso? Le offerte online

Potete acquistare i cuociriso elettrici nei negozi di elettrodomestici e casalinghi. Sappiate, però, che si tratta di un elettrodomestico ancora poco diffuso, quindi probabilmente non troverete un vasto assortimento.

Per avere una vasta scelta, vi consigliamo di dare un’occhiata ad Amazon, che ha tantissimi cuociriso di ogni tipo. Inoltre, molti modelli sono a prezzo scontato e potete trovare periodicamente offerte interessanti nella pagina dedicata alle Offerte del Giorno.

Fonte: Migliori cuociriso: classifica marzo 2019 e offerte

Anna Foglietta, è lei la donna più chic di Sanremo 2019

Anna Foglietta, è lei la donna più chic di Sanremo 2019

Ma quanto è bella, brava ed elegante Anna Foglietta? Secondo noi tanto! Sul palco dell’Ariston in questo Sanremo 2019, appena conclusosi con la vittoria inaspettata del giovane e trendy Mahmood, ha fatto solo un paio di apparizioni ma possiamo dire che quando c’era lei il palco brillava di una luce diversa. Che dire poi dei suoi meravigliosi look sanremesi? L’attrice ha sfoggiato un guardaroba estremamente elegante e ricercato, con abiti firmati Alberta Ferretti e Giorgio Armani, scarpe di Le Silla e alcuni preziosi gioielli di Pasquale Bruni.

In questo Festival, che non ricorderemo per i vestiti spettacolari visti sul palco, i look di Anna Foglietta ci hanno fatto letteralmente brillare gli occhi, mentre ci siamo lamentati molto nelle nostre pagelle di stile dei toni scuri scelti dai protagonisti. E’ vero che anche la conduttrice del Dopofestival come molte colleghe sul palco ha sfoggiato outfit tutti in bianco e nero, ad eccezione fatta per l’abito argento dell’ultima serata,  nonostante ciò Anna è riuscita a brillare per la sua eleganza e, insieme a Paola Turci, è stata senza dubbio una delle donne più chic di questa 69esima edizione del Festival.

L’attrice con tuta Alberta Ferrettiin foto: L’attrice con tuta Alberta Ferretti

Il percorso di stile di Anna Foglietta a Sanremo parte col botto, quando in un party che ha preceduto l’inizio del Festival è apparsa con indosso un frac con tanto di giacca a coda e tuba in testa firmato Giorgio Armani, semplicemente meravigliosa! Poi, sul red carpet inaugurale, ancora un look maschile, con camicia bianca e cravatta aperta, reso super femminile con tacchi a spillo e gioielli lucenti. Degno di nota anche l’outfit black&white con pantaloni in pelle della conferenza stampa. Brillante la jumpsuit bianca firmata Alberta Ferretti, con pantalone a zampa e dal sapore seventies, che nella prima puntata del Dopofestival ci ha fatto sognare.

L’attrice con smoking Alberta Ferretti e scarpe Le Sillain foto: L’attrice con smoking Alberta Ferretti e scarpe Le Silla

Arrivano poi lo smoking bianco, abbinato a meravigliosa camicia riccca di ruche, e il lungo abito nero con fiocchi sulla scollattura che Anna indossa per le sue apparizioni sul palco dell’Ariston. Bellissimo il vestito con lunghe frange e il tailleur giacca pantalone in total black con cintura in vita. Si chiude in bellezza con un particolare vestito argentato dalla gonna balloon, ancora firmato Alberta Ferretti, indossato dalla Foglietta per la serata finale della kermesse musicale. In questo Sanremo 2019 la conduttrice del Dopofestival ha saputo mescolare con grande sapienza capi maschili, come tuxedo e giacche over, con scarpe dal tacco chilometrico, alternando abiti da sera principeschi a look con pantaloni e completi maschili. Sulla sua altalena del Dopofestival Anna ci ha conquistati con l’immensa bravura, la simpatia e i suoi look perfetti.

Fonte: Anna Foglietta, è lei la donna più chic di Sanremo 2019

Assistenza Basculanti e Serrande: come aggiustare le tapparelle

Assistenza Basculanti e Serrande: come funzionano le tapparelle?

Per proteggere il nostro garage, dobbiamo scegliere una basculante in grado di offrire un alto livello di protezione. Quante porte basculanti ci sono in commercio? Quali sono le loro caratteristiche? E quando è necessaria la nostra presenza?

Anzitutto, dobbiamo prestare molta attenzione al box del garage. Infatti, non dobbiamo solo limitarci a scegliere la basculante, ma in seguito dobbiamo farla controllare una volta all’anno, per eseguire la manutenzione ordinaria.

Avete una vecchia basculante che cigola? Ogni tanto la porta si blocca e non sapete come sbloccarla? Ad aiutarvi sarà l’Assistenza Basculanti. Oltre alle basculanti, lavoriamo con le serrande. Quante volte le tapparelle vi hanno dato dei problemi? Decidere di rimodernare casa e di investire sulla sicurezza è sempre un’idea saggia.

Basculanti e serrande ci proteggono dall’esterno, ma non solo. Hanno anche il compito di coibentare l’ambiente e di prevenire sia l’inquinamento acustico, sia l’inquinamento termico. Di che cosa stiamo parlando?

La funziona delle tapparelle è semplice: possiamo abbassarla o alzarla a seconda delle nostre necessità. Tuttavia, essendo soggetta a un continuo sollecito, un componente al suo interno potrebbe usurarsi. Di conseguenza, il meccanismo che ne regola il funzionamento si rompe. Come comportarsi a questo punto? Dobbiamo riparare la tapparella o cambiarla? Quali scelte abbiamo?

Problemi più comuni alle tapparelle

A volte, la tapparella si ferma in alto e non riusciamo proprio a farla scendere. A cosa è dovuto questo problema? È probabile che si sia bloccato o che sia caduto il tappo finecorsa. È molto frequente, infatti, che i tappi si rompano o addirittura che cedano. I motivi sono da rivedersi principalmente negli agenti atmosferici. Vento, neve, pioggia, eccessiva esposizione solare: tutto rovina i tappi con il tempo.

La cosa migliore da fare a questo punto è sostituire i tappi finecorsa. Potrete acquistarne un paio di ricambio. Possono essere acquistati al supermercato o in un negozio specializzato. È un’operazione molto semplice, che non richiede la presenza di un esperto a meno che non vi intendiate di fai da te.

In alternativa, se i tappi nuovi non funzionano, significa che un frammento di marmo si è scheggiato. Il marmo è il punto in cui si fermano i tappi finecorsa. In questo caso è necessaria la presenza di un professionista, che vi aiuterà a risolvere il problema in breve tempo.

Avete notato che la vostra tapparella si ferma a metà e ha le stecche storte? Non c’entrano nulla i tappi finecorsa: il problema è nel rullo, che si è rovinato. Il rullo potrebbe trovarsi fuori sede o “fuori bolla”.

Tapparelle e porte basculanti: come possiamo aiutarti?

Questa operazione è più delicata e richiede l’intervento di un tecnico. Tra gli altri problemi della tapparella, citiamo anche i cintini rotti, un inceppamento della corda avvolgitrice, corda spezzata (o inceppata), stecche rotte a causa di corpi estranei.

Anche le basculanti potrebbero dare dei problemi di ogni sorta, dovuti all’usura o a una improvvisa rottura di un componente. Quando non siamo esperti di fai da te, è sicuramente più indicata la presenza di un tecnico.

I nostri servizi si suddividono in base alla chiamata. Se è urgente, potete rivolgervi al Pronto Intervento. Quest’ultimo è un servizio attivo 24h e 7 giorni su 7. Arriveremo il prima possibile sul posto per risolvere il problema. L’intervento d’urgenza ha un sovrapprezzo in base all’orario e al giorno della chiamata.

Invece, se desiderate installare una nuova basculante, cambiare la serranda ed eseguire la manutenzione annuale, potete prendere un appuntamento. Sul nostro sito, troverete tutti i contatti di riferimento, dal numero di telefono fino alla e-mail. Rimaniamo a disposizione per ogni dubbio o informazione.

 

 

Serrature, sicurezza e porte di casa: che cosa sapere

Perché la serratura è importante: offre protezione e sicurezza

In molti tendono a sottovalutare la serratura, pensando che sia solo la porta a offrire una protezione contro i ladri e le effrazioni. In realtà, la serratura è importante tanto quanto la porta, se non di più. Una serratura scarsamente controllata non riesce a resistere alle intrusioni e farebbe scattare la porta in breve tempo.

Diciamo che la manutenzione alla serratura è davvero fatta pochissime volte. Di solito, viene richiesta quando il danno è ormai fatto: magari, sentite un rumore strano oppure la chiave non gira nella toppa e oppone resistenza.

Il problema è che sottovalutare la serratura potrebbe non essere una buona idea, in nessun caso. Proteggere la nostra abitazione è un dovere che abbiamo, per tenere al sicuro gli effetti personali e i nostri familiari.

A questo punto, entra in gioco una figura professionale ben precisa: il fabbro. Infatti, è compito del fabbro eseguire la manutenzione, la riparazione o il cambio della serratura della porta di casa.

Infine, vi consigliamo di valutare, per incrementare il livello di sicurezza, di installare una porta blindata. Quest’ultima è suddivisa in sei classi di sicurezza: di solito, per gli appartamenti e le villette si consiglia di considerare la classe tre o quattro.  

Proteggere la casa è nostro dovere: come farlo al meglio?

Molti clienti ci chiedono spesso come possono realisticamente proteggersi dalle intrusioni. Non c’è una risposta precisa da dare, perché sono molti i fattori da valutare. C’è chi, per esempio, abita in un appartamento, o chi ha la villetta e ha bisogno di installare un allarme con videosorveglianza.

In altri casi scegliere la serratura è altrettanto importante. Dopotutto, è la nostra porta che ci separa dal mondo esterno. Per questo motivo, invitiamo sempre a considerare la manutenzione annuale e a mettere da parte il fai da te, almeno in questo campo.

Certo, ci sono dei metodi per pulire una serratura in casa, per quanto vi sconsigliamo l’utilizzo dell’olio extravergine di oliva. In tanti ci hanno segnalato degli inconvenienti con l’olio: un rimedio naturale che si trova facilmente su internet. Eppure, le conseguenze possono essere piuttosto care: la serratura potrebbe bloccarsi proprio a causa del sedimento dell’olio.

Tutte le serrature, anche le più economiche, funzionano grazie a un meccanismo complesso e a un insieme di componenti che, con il tempo, possono usurarsi. Non è nulla di nuovo o di diverso: dopotutto, ogni oggetto si piega alle intemperie. Anche le porte o le serrature possono causare problemi.

Come può aiutarti il fabbro: il nostro team di esperti è al tuo servizio

Quali sono i problemi più diffusi per la serratura? Potreste sentire un rumore strano, come un cigolio. Questo rumore potrebbe indicare una possibile rottura di un componente, o un componente che sta per cedere.

Inoltre, anche la chiave potrebbe avere dei problemi ad aprire la porta. Qualora la serratura fosse incastrata o un componente stesse per rompersi, allora la chiave risulterebbe inutile per aprire la porta di casa. E, in questo caso, forse più estremo del precedente, dovreste rivolgervi al Pronto Intervento Fabbro.

Il nostro team di esperti valuterà la situazione della vostra serratura. Potremo consigliarvi di cambiarla e di installarne una più avanzata, con un cilindro all’avanguardia per proteggere l’abitazione e dormire sonni tranquilli.

Nel caso in cui la serratura si rompesse, invece, vi consigliamo di contattarci subito telefonicamente. In tal caso, arriveremo nel minor tempo possibile sul posto per cambiare subito la serratura o riparare la precedente.

Il Pronto Intervento Fabbro opera 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, al fine di garantire un servizio costante nel tempo e di servire il cliente.

Dieta mediterranea: quali sono i benefici e perché è considerata la migliore al mondo

Dieta mediterranea: quali sono i benefici e perché è considerata la migliore al mondo

La dieta mediterranea è il regime alimentare per eccellenza, consigliato da nutrizionisti e dietologi. Non si tratta di un programma dietetico, come molti credono, ma è un vero proprio stile di vita, tipico delle aree del bacino del Mediterraneo, e oggi esportato ovunque: nel 2010 è stata proclamata dall’UNESCO “Patrimonio immateriale dell’umanità”. La dieta mediterranea apporta molti benefici alla salute, si tratta  infatti di un regime alimentare sano ed equilibrato che non fa divieto di nulla, in quanto offre un perfetto equilibrio di tutti i nutrienti essenziali per il benessere del nostro organismo: protegge dalle malattie cardiovascolari e prevede principalmente il consumo di alimenti di origine vegetale. Inoltre è un regime alimentare a ridotto impatto ambientale, rispetto ad altri modelli alimentari e apporta benefici anche di tipo sociale ed economico. La dieta mediterranea è una cultura che si tramanda da generazioni nelle aree che si affaciano sul Mediterraneo. Scopriamo allora quali sono i benefici della dieta mediterranea e perchè è considerata la migliore al mondo.

Cos’è la dieta mediterranea e quando nasce

La dieta mediterranea è un modello alimentare equilibrato e si basa principalmente su alimenti come: cereali, pane, verdura, olio di oliva, pesce e vino, ben rappresentati attraverso la cosiddetta piramide alimentare, un modo pratico per visualizzare le regole della corretta alimentazione, mettendo alla base gli alimenti che possiamo consumare di più e, al vertice, quelli che dobbiamo limitare. Alla base della piramide troviamo l’acqua (quindi bere molto), con pane, pasta, patate, riso e cereali,  poi troviamo frutta, verdura e legumi e, più sù, olio di oliva, latte e latticini, poi ancora uova, carne bianca e pesce, fino ad arrivare al vertice, dove troviamo gli alimenti di cui dobbiamo limitare il consumo: carne rossa, salumi e dolci. La dieta mediterranea ha quindi tre caratteristiche fondamentali: basso consumo di grassi saturi, è ricca di fibra alimentare e carboidrati, e ha un elevato apporto di grassi monoinsaturi che derivano principalmente dal consumo di olio d’oliva. Le caratteristiche principali di questo regime alimentare si possono riassumere in due parole: varietà e completezza.

La dieta mediterranea è stata introdotta e studiata dal fisiologo e biologo americano Ancel Keys e nasce precisamente nel Cilento negli anni Quaranta. Il medico, che allora era a seguito delle truppe americane, notò che la popolazione cilentana, alimentandosi di pane, pasta, verdure, legumi, poca carne, pesce, frutta e olio extravergine di oliva, si ammalava raramente di malattie cardiovascolari e gastrointestinali, o comunque molto meno rispetto alla popolazione americana. Intraprese allora un’indagine, che durò 40 anni, per studiare le abitudini alimentari locali e stilare un regime alimentare specifico, studiando in modo scientifico le porzioni della dieta mediterranea: 60% di zuccheri di cui: l’80% complessi (pane integrale, pasta, riso, mais) e 20% di zuccheri semplici; 15% di proteine; 30% di grassi buoni (olio di oliva); frutta e verdura in quantità perché utili a fornire il giusto apposto di vitamine, minerali, antiossidanti e fibre

Benefici della dieta mediterranea per la salute

La dieta mediterranea apporta molti benefici alla nostra salute. Seguire questo regime alimentare migliora la memoria, aiutando a prevenire malattie come l’Alzheimer: l’olio extravergine di oliva aiuta, infatti a migliorare la memoria a breve termine. Inoltre protegge dallo stress ossidativo il nostro organismo e riduce la probabilità di sviluppare malattie renali croniche. I veri benefici della dieta mediterranea deriverebbero dal consumo giornaliero di frutta, verdura, legumi, cereali e carni bianche, riducendo invece al minimo il consumo di carni rosse, prodotti industriali e dolciumi. Consumare olio extravergine di oliva e frutta secca, aiuterebbe anche a prevenire malattie cardiovascolari proteggendoci anche da ictus e infarti.

Quali sono gli alimenti principali della dieta mediaterranea

L’alimento principe della dieta mediterranea è l’olio d’oliva che aiuta a controllare il rischio cardiovascolare grazie ai polifenoli in esso contenuti che svolgono un’azione antiossidante. L’olio d’oliva funziona come un potente antinfiammatorio che previene malattie cardiovascolari e l’aterosclerosi. La dieta mediterranea si caratterizza anche per il consumo di alimenti di origine vegetale: frutta e verdura hanno infatti un ruolo centrale in questo regime alimentare. Garantiscono infatti il giusto apporto di sali minerali, vitamine, riducendo l’apporto calorico. Anche la frutta secca ha un ruolo fondamentale nella dieta mediterranea, soprattutto noci e mandorle, in quanto sono ricche di grassi polinsaturi, cioè di grassi buoni che proteggono le arterie. I cereali, il grano duro in particolare, è un alimento comune a tutte le popolazioni del Mediterraneo in quanto costituisce la materia prima con cui si realizzano pasta e pane. La pasta fornisce un importante apporto di carboidrati sotto forma di amido, la pasta integrale fornisce poi maggiori quantità di fibre e sali minerali, benefici per il buon funzionamento dell’apparato gastrointestinale. Anche il vino rosso è la bevanda che accomuna i paesi del Mediterraneo: contiene polifenoli che riducono il rischio cardiovascolare. Ovviamente il consumo dipende anche dallo stato fisico di ogni singola persona, in quanto potrebbe aumentare i trigliceridi. Una persona in buona salute può comunque consumare un bicchiere di vino rosso al giorno.

Ma perché la dieta mediterranea è considerata la migliore al mondo?

La dieta mediterranea è considerata la migliore al mondo perché è un modello alimentare equilibrato che apporta benefici non solo alla salute, ma anche all’ambiente e alla società. La dieta mediterranea ha un basso impatto ambientale, inferiore del 60% rispetto ad altre diete di tipo nordamericano o nordeuropeo in quanto si basa principalmente su vegetali e cereali, piuttosto che su carne e grassi animali. Inoltre la dieta mediterranea prevede il consumo di alimenti rispettandone la stagionalità. Tra i benefici sociali, seguire questo regime, insieme all’attività fisica, aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari, diabete e alcuni tumori. Inoltre, la dieta mediterranea promuove la consapevolezza alimentare, il legame con il territorio, ma anche l’interazione sociale e la convivialità. Dal punto di vista economico, poi, seguire questo modello alimentare ridurrebbe la spesa sanitaria in quanto migliorerebbe lo stato di salute generale della popolazione.

Fonte: Dieta mediterranea: quali sono i benefici e perché è considerata la migliore al mondo

Attraversano a remi l’Atlantico: la lotta di 4 donne per un mare senza plastica

Attraversano a remi l’Atlantico: la lotta di 4 donne per un mare senza plastica

Le donne riescono a raggiungere in ogni ambito grandi risultati, dando prova di non avere nulla da invidiare alla controparte maschile, a dimostrarlo è il team britannico Row for the Ocean, diventato il primo equipaggio femminile ad aver completato la Talisker Whisky Atlantic Challenge 2018/2019. Di cosa si tratta? Della traversata in barca a remi sull’Atlantico più lunga al mondo, 3,000 miglia dalle Isole Canarie, attraverso l’Oceano Atlantico fino ad Antigua, portata a termine da 4 donne che grazie alla loro impresa senza dubbio passeranno alla storia.

Le donne del Row for the Ocean sono passate alla storia

La Talisker Whisky Atlantic Challenge 2018/2019 è la traversata sull’Atlantico più lunga del mondo di oltre 3000 miglia e di recente è stata completata dalle 4 componenti del team britannico Row for the Ocean, composto da Kirsty Barker, Kate Salmon, Rosalind West e Laura Try. Hanno tra i 28 e i 36 anni, un profondo legame con la natura e un grande rispetto per il mare e per le sue coste. Il motivo per cui si parlerà a lungo di loro? Sono arrivate sulle coste di Antigua dopo aver passato in mare 43 giorni, 2 ore e 20 minuti. Durante la lunga traversata hanno riscoperto se stesse, la loro determinazione, il loro coraggio, visto che non sono state poche le prove dure da affrontare lungo il percorso.

Alla fine ce l’hanno fatta e sono riuscite a battere la squadra maschile Atlantic Seaman con un distacco di due ore. “Abbiamo attraversato l’Oceano per salvarlo. Durante il viaggio non avevamo molte distrazioni, ed è stato facile e triste allo stesso tempo renderci conto di quanta plastica ci fosse, si notava quasi più quella che la vita marina“, ha spiegato Rosalind, la skipper del team. L’iniziativa è stata organizzata per sostenere una raccolta fondi a favore dell’associazione Surfers Against Sewage, che sta facendo il possibile per combattere l’inquinamento dei mari dovuto alla plastica. I soldi raccolti verranno utilizzati per ripulire i mari e rendere l’ambiente più sano e pulito per le generazioni future.

Fonte: Attraversano a remi l’Atlantico: la lotta di 4 donne per un mare senza plastica

In viaggio sulla Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

In viaggio sulla Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Protagonista della serie di Disney Junior, la Topobolide di Topolino e gli amici del Rally diventa realtà. Ed è subito festa per i piccoli che si sono messi al volante e per il gruppo dei meccanici che l’ha realizzata.

Unire la spensierata leggerezza di un’auto dei cartoons, con un capolavoro reale di tecnica e meccanica, non ha prezzo.

Se poi è il risultato di un sogno di sempre e si è i primi al mondo a realizzarlo è davvero impagabile.

Come tornare tutti bambini.

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Un pezzo di bravura e d’immaginazione visiva unica

La Star riproduce l’auto con la quale Topolino corre nella serie animata Topolino e gli amici del Rally, che ha lasciato il cartoons per diventare una vera auto dal motore rombante.

Il protagonista dell’audace car tuning è Ivan Cappellini, meccanico italiano professionista e grande fan di Topolino.

Una sfida durata parecchie settimane, che ha previsto tagli, aggiunte ed elaborazioni fino a quel momento inimmaginabili per un auto!

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Alettone con le inconfondibili orecchie, ruote maggiorate per terreni insidiosi, spoiler di cristallo per alte velocità, cofano allungato con un musetto giallo, volante da rally e l’inequivocabile griglia con il logo di Topolino.

Il risultato è la mitica Topobolide numero 28 della serie, presentata tra gli applausi di bambini e giornalisti e del telecronista e giornalista di Formula Uno Carlo Vanzini.

E noi eravamo la, nel garage carrozzeria vicentina dove è nata questa Super Sportiva unica, anche per la meccanica estrema.

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

E le sorprese non sono finite

E con la stessa magia con la quale il cartone animato è scivolato nella vita reale, parallelamente la realtà è entrata nel mitico Cartoons.

A regalare ai bambini la doppia sorpresa ci hanno pensato i disegnatori di Topolino per il settimanale che esce in edicola in tutto il Mondo.

Parliamo ovviamente di Gianfranco Florio e Luca Usai, da 11 anni illustratori ufficiali del personaggio dei fumetti più amato in assoluto.

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Con la spontaneità tipica degli artisti, hanno coinvolto i bambini  in una sessione di disegno, mostrando come si realizza il Topolino perfetto.

In versione pilota naturalmente.

Un soggetto che i due incredibili talenti italiani, formati all’Accademia Disney, conoscono alla perfezione!

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Il finale di questa giornata da favola viene da solo:

I cartoni animati sono per bambini, fino a quando non incrociano Topolino e il suo Mondo.

A quel punto saltano tutte le regole e si scatenano passioni ed emozioni straordinarie anche per noi grandi!

La serie Topolino e gli amici del rally

Ricordiamo che la seconda stagione della serie di successo Topolino e gli amici del rally è in onda su Disney Junior, canale 611 di Sky, dal lunedì al venerdì alle 17,00 e il sabato e la domenica alle 18,30.

Grazie a Disney Junior per la bellissima occasione!

Fonte: In viaggio sulla Topobolide di Topolino e gli amici del Rally

Come reinventarsi un lavoro dopo essere diventate mamme.

Come reinventarsi un lavoro dopo essere diventate mamme.

E poi succede qualcosa nella tua vita, simile a quella di tante altre donne, mamme, mogli. Tra scadenze, riunioni, meeting, incastri di baby sitter, nonne e recite dell’asilo, a un certo punto ti capita anche di perdere il lavoro.

O meglio qualcuno ti dice (nel mio caso) che il tuo ruolo non è più qui, ma hai vinto una grande opportunità, trasferirti a migliaia di km da casa.

Grazie eh! Meno male che ho fatto crescere l’azienda, pensa te se mi impegnavo un pochino meno.

Improvvisamente le giornate diventano più lente, non sei più Tu (quella di corsa dalla mattina alla sera, che la notte dormiva sempre male, impegnata a salvare il mondo), vivi come la vita di un’altra persona e questo inizia a piacerti.

Si perché nonostante amassi molto il mio lavoro, se non ci fosse stata questa battuta d’arresto non avrei esplorato altri bellissimi percorsi.

Mi sono trovata fuori dal mondo improvvisamente, ed ero stata proprio io a mettere la firma a tutto.

E adesso da dove si parte?

Da quello che amo fare mi sono detta. Se devo partire da zero, meglio farlo da quello che riesco a fare meglio, disegnare.

Volevo qualcosa di creativo, ma anche con libertà di orari, dove potevo gestire il mio tempo, lavorando da casa.

come reinventarsi un lavoro

O meglio, il mio sito era nato nel 2014, ma dovevo trasformare il mio hobby in un business.

E così ho iniziato ad analizzare i miei competitor, ma anche studiare ogni tipo di imprenditore digitale per capirne i punti di forza, concepire strategie, e pensare quali fossero gli investimenti utili da fare.

Come reinventarsi un lavoro

Ho creato un laboratorio creativo, mi occupo di grafica a 360°, disegnando inviti, card, tableau de mariage, elementi decorativi per ogni evento e party, matrimonio, battesimi, baby shower e compleanni.

Come reinventarsi un lavoro

Come reinventarsi un lavoro

Come reinventarsi un lavoro

Realizzo anche opere artistiche come decorazione a mano di lavagne, specchi, supporti di legno.

Seguo le persone in uno dei giorni più belli come il matrimonio, creando per loro inviti, assemblando con cura carta, spago, dipingendo acquerelli e disegnando a matita.

Se prima il mio lavoro era tecnico (seppur venendo dal mondo della moda) adesso era completamente artistico.

Come reinventarsi un lavoro

Come reinventarsi un lavoro

Ho stilato nella mia piccola esperienza di attività on line alcune pillole su come reinventarsi un lavoro:

1.Il progetto deve essere interessante.

Il punto fermo di tutte le possibili strategie attuabili è di avere una buona idea. Puoi fare investimenti, comprare follower, pubblicizzare il sito su Google Adwords ma il web non è una bacchetta magica. Il prodotto deve essere interessante, l’idea nuova, accattivante. Se poi aggiungi artigianalità a ciò che vendi è sicuramente un valore aggiunto.

2. Credere fermamente nella tua nuova idea.

Arriveranno giorni in cui ti chiederai se hai fatto la scelta giusta, dove gli altri cercheranno di smontarti, dove i risultati non saranno così immediati. E Tu per primo devi credere in quello che fai, devi essere il primo sostenitore di te stesso. E deve essere una convinzione forte, perché al primo soffio di vento dovrai armarti di pazienza e caparbietà per andare avanti.

3. Creare una bella vetrina.

Come? Le foto, le immagini, mostreranno quello che venderai, e la qualità di esse daranno il giusto valore al prodotto. Quindi, no a foto fatte con il cellulare, ma il primo investimento dovranno essere appunto foto professionali, fatte in maniera creativa

[embedded content]

Fonte: Come reinventarsi un lavoro dopo essere diventate mamme.